logo

Gioielleria Cantoni

Un prodotto custom, specifico per una collezione di gioielli, su indicazione dell’architetto. Le particolarità di spicco: le dimensioni ridotte e l’attacco magnetico.

Gioielleria Giovanna Cantoni, Torino

 

Dall'idea della fusione di pepite d’oro purissimo nasce la collezione 999, charms e gioielli unici brevettati realizzati completamente a mano. In questo concetto di estrema eleganza si fonde l’anima del pensiero progettuale di illuminazione della vetrina del flagship store Giovanna Cantoni, dove la luce si fonde con l’allestimento per trasmettere a chi passa ed osserva da fuori il senso di uno spazio esperienziale. Il sistema illuminante volutamente lasciato a vista nella composizione dell’arredo, è stato pensato per essere estremamente versatile: al profilo, realizzato in finitura oro, estremamente minimale, appoggiano con attacco magnetico proiettori di piccolissima dimensione dal nome MICRO VIRGOLA 9 il cui design nasce dall’ispirazione del primo Charm “Goccia” di Cantoni. Grazie alla focale variabile ed alla facile orientabilità dei singoli elementi illuminanti governabile in tutte le direzioni a bordo del sistema, la luce si proietta sulla scena colpendo e valorizzando gli espositori in raku realizzati interamente a mano e su questi i gioielli appesi, sospesi… Nell’insieme…unicità, a rispecchiare la filosofia di questo meraviglioso salotto nella cornice dei portici di Torino.

Progetto d’illuminazione a cura di EDL _ Architectural Lighting Design Studio Product Design a cura di EDL _ Architectural Lighting Design Studio Fotografie di Emanuela di Grazia

 

MICRO VIRGOLA 9

Header Image@2x
Header Image@2x
Header Image@2x

Chiesa dei Girolamini

Abbiamo adottato soluzioni con notevole flusso luminoso ed elevata resa cromatica

Chiesa dei Girolamini, Napoli


L’architettura monumentale e la ricchezza artistica che ricopre le superfici interne (dagli affreschi sulla controfacciata alle tele nelle cappelle laterali, fino ai decori in foglia d’oro dei soffitti) ha richiesto l’impiego di soluzioni con notevole flusso luminoso ed elevata resa cromatica (Ra-98/R9-98), nonché un’estrema versatilità dei sistemi ottici in grado di adattare la proiezione da punti fissi e ricorrenti per illuminare oggetti sempre diversi. L’interno è molto vasto su pianta e allo sguardo del visitatore si offrono diverse decorazioni di artisti appartenenti alle scuole toscana, romana ed emiliana. 

Sulla controfacciata c’è un affresco di Luca Giordano (1684, la cacciata dei mercanti dal tempio). Luca GiordanoGuido ReniPietro da Cortona sono solo alcuni dei grandi nomi degli artisti che parteciparono all’impresa decorativa del tempio, facendone un unicum di armonia e ricchezza, e rendendo il monumento tappa fondamentale negli itinerari barocchi della città.

.


 


FAMIGLIA SOLAR E LONGITUDINAL

Header Image@2x
Header Image@2x

Museo Rimoldi

Rispondere alla sfida delle condizioni ambientali

Museo Rimoldi, Cortina D'Ampezzo


Le opere pittoriche e statuarie, dalle più disparate dimensioni, trovano nell’impiego del Solar la migliore soluzione per conformare la luce alle condizioni ambientali in cui le opere sono contenute. 

Unitamente all’elevata qualità della luce (Ra-98/R9-98), la flessibilità del comparto ottico, attraverso lenti secondarie magnetiche e autocentranti, permette la geometrizzazione della proiezione giusto attorno all’opera.

Crediti:

Renato Guttuso, La zolfara, 1953, olio su tela, cm 201,5x311, Museo Rimoldi - Cortina d'Ampezzo

Scorcio della mostra temporanea "Ars et labor. Il fascino della Manuallità", Museo Rimoldi - Cortina d'Ampezzo


 


SOLAR

photo_5798408748606274074_y
photo_5798408748606274076_y
Header Image@2x